Archivio dell'autore: Ilaria d'Andria

Dal 23 al 31 ottobre, Cineteca Milano MIC: UGO TOGNAZZI, IL MATTATORE

Sarà La vita agra di Carlo Lizzani sulla Milano del boom ad aprire venerdì 23 ottobre alle 17.15 alla Cineteca Milano MIC (viale Fulvio Testi 121) Ugo Tognazzi. Il mattatore, la rassegna dedicata, a trent’anni dalla sua scomparsa, al grande attore, che nella sua carriera ha interpretato tanti personaggi, sempre diversi.  Tra gli altri film in calendario Una storia moderna – L’ape regina e La grande abbuffata di Marco Ferreri, Il fischio al naso dello stesso Tognazzi dal racconto di Dino Buzzati, e ancora La tragedia di un uomo ridicolo di Bernardo Bertolucci, premio come Miglior interpretazione maschile al Festival di Cannes del 1981, e Il federale di Luciano Salce. Per il programma completo e altre notizie cinetecamilano.it.

26, 27 e 28 OTTOBRE: BANKSY – L’ARTE DELLA RIBELLIONE, DI ELIO ESPANA

È famoso, è osannato, è discusso, non ha un volto, di lui si sa soltanto che si chiama Bansky e che è nato a Bristol, nella provincia inglese: sarà nelle sale da lunedì 26 a mercoledì 28 ottobre BANKSY – L’ARTE DELLA RIBELLIONE di Elio Espana, un molto interessante e molto coinvolgente film alla scoperta della storia, fin dalle origini, dell’artista che ha rivoluzionato la street art e il modo con cui la si guarda e la si giudica. Sono già in vendita i biglietti per le proiezioni all’Anteo Spazio del Cinema e a CityLife Anteo di Milano nonché per le sale Anteo di Monza, Treviglio e Cremona, per acquistarli spaziocinema.info.

Dal 19 al 21 ottobre: Mi chiamo Francesco Totti, di Alex Infascelli

 

L’indomani sarà il giorno del suo addio al calcio, e Francesco Totti, amatissimo capitano della Roma, guardandole su uno schermo assieme al pubblico in sala, ripassa vita e carriera, tra gioie, sportive e familiari, e dolori: sarà nelle sale da lunedì 19 a mercoledì 21 ottobre Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli, la storia di un uomo e di uno sportivo, ma anche la riflessione sul passare (inesorabile) del tempo. Non soltanto ai tifosi della maggica, il film piacerà pure a coloro che non seguono il calcio o a chi tiene per un’altra squadra. Regalatevelo, chi scrive si è anche commossa (e non era la sola…).

Dal 19 al 21 ottobre: NOMAD – IN CAMMINO CON BRUCE CHATWIN, DI WERNER HERZOG

Bruce Chatwin – uno dei maggiori scrittori del Novecento, colui che ha reinventato la letteratura di viaggio – e il grande regista tedesco Werner Herzog sono stati legati da profonda amicizia, influenzandosi a vicenda nel corso degli anni: i primi film di Herzog hanno avuto una significativa importanza sulla scrittura di Chatwin, il regista ha a sua volta adattato Cobra Verde da un romanzo dell’amico. Quando stava morendo di AIDS Chatwin ha chiamato l’amico Werner chiedendogli di vedere il suo ultimo lavoro su un membro di una tribù del Sahara, in cambio, come dono d’addio, Chatwin ha regalato al regista lo zaino che lo aveva accompagnato nei suoi viaggi intorno al mondo. Trent’anni dopo, con quello zaino sulle spalle, Herzog inizia un suo personale viaggio sulle orme di Chatwin, ispirato dalla comune passione per la vita nomade e il desiderio di conoscenza: arriva finalmente nelle sale da lunedì 19 a mercoledì 21 ottobre, distribuito da Feltrinelli Real Cinema e Wanted Cinema, Nomad: In cammino con Bruce Chatwin, il documentario dedicato all’amico scrittore e viaggiatore, una proiezione speciale è in calendario lunedì 19 ottobre alle 19.30 all’Anteo Palazzo del Cinema di Milano (piazza XXV Aprile, 8), il film sarà introdotto da Gianni Canova, Critico cinematografico e Rettore dell’università IULM, a seguire interventi, moderati dalla giornalista Erica Arosio, di Angelo Schena, Presidente del Centro di Cinematografia e Cineteca del Club Alpino Italiano, e di Davide Sapienza, autore di ALPES. Per i biglietti: spaziocinema.info.

 

18 ottobre alle 21.30 al Cinemino di Milano: Elisa Fuksas presenta iSOLA

Dalle Notti Veneziane – L’isola degli autori al Cinemino di Milano (via Seneca 6): appuntamento domenica 18 ottobre alle 21.30 con iSola di Elisa Fuksas, il diario, tutto filmato col telefonino, di una donna che alla vigilia del confinamento in casa per pandemia ha scoperto di avere un tumore alla tiroide. La proiezione sarà preceduta da un intervento della regista che presenterà poi assieme a Saturnino il suo libro Ama e fai quello che vuoi (edito da Marsilio). Per i biglietti e per conoscere la programmazione completa (ricordatevi di richiedere la tessera almeno 24 ore prima di vedere un film): ilcinemino.it.

 

Lockdown all’italiana, un film di Enrico Vanzina

Dopo essere stato bocciato a priori – Vanzina gira un film sul coronavirus? scandalo!!! -, è da oggi sugli schermi Lockdown all’italiana di Enrico Vanzina, una commedia dove si racconta di due coppie che più agli antipodi pronte a lasciarsi per corna e invece costrette a sigillarsi in casa per pandemia. Nessuno uscirà migliorato dalla lunga quarantena. Il film non offende, anzi porta rispetto a coloro che sono stati coinvolti dall’emergenza sanitaria, i suoi problemi sono semmai altri: si ride davvero troppo poco, non tutti gli interpreti si rivelano in parte e poi il film è stato probabilmente pensato e poi girato, con sveltezza, nella speranza che il lockdown sarebbe diventato un ricordo, e non un fantasma che si aggira.

La vita straordinaria di David Copperfield, di Armando Iannucci

Nato nella Londra vittoriana del 1800 già orfano di padre, detestato dal cattivissimo patrigno che lo spedisce a lavorare in una fabbrica di bottiglie, David Copperfield non si arrende alle angherie del mondo, si ribella, prende in mano la sua vita e trova un posto del mondo: se Morto Stalin se ne fa un altro ci aveva fatto conoscere il talento di Armando Iannucci, figlio di un immigrato napoletano e di una scozzese, La vita straordinaria di David Copperfield ne è la conferma, la sua trasposizione delle celeberrime pagine di Dickens, portate al cinema nientedimeno che da George Cukor nel 1935, se da una parte rispetta lo spirito del romanzo dall’altra è oltremodo originale, scoppiettante, vitale e coraggiosa, con tocchi surreali e fantastici e senza lacrime. Ottimi gli interpreti, da Dev Patel alla stravagante zia Tilda Swinton.

IMPREVISTI DIGITALI, un film di Benoît Délepine e Gustave Kervern

Bertrand, che si sta battendo per proteggere la figlia dal cyberbullismo, perde la testa per la voce della centralinista di un call center; Christine, che ha perso tutto a causa della sua dipendenza dalle serie tv reinventandosi come autista di Uber, non riesce a incrementare le stellette di gradimento; Marie cerca disperatamente di cancellare un video erotico realizzato in una notte di ubriachezza a sua insaputa: è da oggi nelle sale Imprevisti digitali, la nuova commedia firmata da Benoît Delépine e Gustave Kervern dove si sorride con grazia, e si empatizza, delle incapacità tecnologiche di tre cinquantenni della provincia francese, ma attenzione, oltre i sorrisi ci sono tre solitudini, e quindi tanta malinconia.

 

 

15 ottobre al cinema Beltrade: serata per Honeyland

Racconta la storia e la filosofia di vita di Hatidze Muratova, l’ultima esperta raccoglitrice di miele della Macedonia del Nord, mestiere antico e in delicato equibrio con la natura, Honeyland, il documentario di Ljubomir Stefanov e Tamara Kotevska premiato tre volte al Sundance Film Festival e candidato all’Oscar. Honeyland è in programmazione al cinema Beltrade di Milano, appuntamento giovedì 15 ottobre alle 21.30 con una proiezione speciale cui parteciperanno, in videocollegamento, Ljubomir Stefanov e in presenza Claudia Zanfi, apicoltrice e fondatrice di Green Island / Alveari Urbani. Per informazioni cinemabeltrade.net.

 

26 ottobre ore 13.00 e ore 21.30 all’Anteo Palazzo del Cinema: proiezione del docufilm THE ROSSELLINIS di Alessandro Rossellini

Alessandro Rossellini, figlio di Renzo, è il primo nipote di un nonno geniale, si sente inadeguato e così prende una decisione: girare a 55 anni il suo primo film, convocare i tanti parenti sparpagliati nel mondo, andandoli a trovare laddove vivono, e farli parlare del papà del Neorealismo, nel tentativo di capire se anche loro hanno la sua stessa malattia, la rossellinite: dopo essere stato presentato come evento speciale alla 35. Settimana Internazionale della Critica di Venezia, dal 26 al 28 ottobre arriva finalmente nelle sale, distribuito da Nexo Digital, THE ROSSELLINIS di Alessandro Rossellini, lunedì 26 ottobre Anteo Palazzo del Cinema di Milano (piazza XXV Aprile, 8) ne ospiterà due proiezioni, una alle 13 e la seconda alle 21.30, per i biglietti https://anteo.spaziocinema.18tickets.it/film/9317

 

Dal 16 al 31 ottobre, Cineteca Milano MIC: IL RICHIAMO DI JACK LONDON

Ci saranno le varie versioni di Martin Eden, tra cui lo sceneggiato RAI di Giacomo Battiato con Christopher Connelly e Vittorio Mezzogiorno, in Il richiamo di Jack London, la rassegna dedicata al grande e molto amato autore americano attraverso un viaggio nelle più note trasposizioni cinematografiche tratte dalle sue opere, appuntamento alla Cineteca Milano MIC (viale Fulvio Testi 121) da venerdì 16 ottobre, il ciclo sarà aperto alle 15 dalla proiezione delle prime due puntate del sopracitato sceneggiato, tra gli altri titoli proposti Martin Eden di Pietro Marcello con Luca Marinelli, Assassination Bureau di Basil Dearden, tratto dal romanzo incompiuto The Assassination Bureau, e Il lupo dei mari di Michael Curtiz, per il calendario completo e altre notizie cinetecamilano.it.

14 ottobre al cinema Beltrade: proiezione di Caterina, di Francesco Corsi

Un omaggio alla vita e all’opera di Caterina Bueno (1943 – 2007), cantante ed etnomusicologa cui si deve – fin dagli anni Sessanta – il recupero delle tradizioni culturali contadine ed operaie maremmane: appuntamento mercoledì 14 ottobre alle 21.30 al cinema Beltrade di Milano (via Oxilia 10) con Caterina, di Francesco Corsi, che sarà presente alla proiezione. Per i biglietti e altre notizie cinemabeltrade.net.

12 ottobre al Cinemino: La febbre di Gennaro, di Daniele Cini e Claudia Pimpinella

Che cosa spinge un ragazzo di 19 anni, figlio di artigiani, a mollare tutto e tutti per dedicarsi agli ultimi del mondo? La risposta a questa domanda ce la dà La febbre di Gennaro, il documentario di Daniele Cini e Claudia Pampinella su Gennaro Giudetti, il volontario internazionale in zone ad alto rischio, oggi 28enne, che sarà presente coi giornalisti Daniele Biella e Laura Battaglia alla proiezione in calendario lunedì 12 ottobre alle 21.30 al Cinemino (via Seneca 6, Milano), per i biglietti e per conoscere la programmazione completa (ricordatevi di richiedere la tessera almeno 24 ore prima di vedere un film) ilcinemino.it.

Divorzio a Las Vegas, regia di Umbero Carteni

Lorenzo ed Elena a 18 anni si piacciono a Las Vegas, si sposano per scherzo sotto effetto di droghe, poi tornano in Italia e si perdono di vista. Li ritroviamo giusto vent’anni dopo: lei sta per sposarsi, stavolta per davvero, ma non può farlo, risulterebbe bigama, se prima non divorzia dal primo marito, che ora scrive discorsi per i politici. Brilla da oggi nelle sale Divorzio a Las Vegas, la commedia romantica di Umberto Carteni, non importa se l’epilogo è ben chiaro dall’inizio, la storia non sarà originale ma fa molto sorridere e rende lieti (se vi pare poco in questo periodo, tra l’altro), i due protagonisti (Giampaolo Morelli e Andrea Delogu) funzionano molto bene, Ricky Memphis è sempre una garanzia e Gian Marco Tognazzi è perfetto. In sala, buona visione.

29 ottobre alle 21.30; 30 e 31 ottobre, 1 e 2 novembre alle ore 13.00. ANTEO PALAZZO DEL CINEMA: Carlo Luglio introduce Il ladro di cardellini

Nella campagna campana vivono delle persone affiatate e stravaganti che vivono aldilà della legalità svolgendo la bracconeria di uccellini domestici, in modo particolare di cardellini…: appuntamento giovedì 29 ottobre alle 21.30, venerdì 30 e sabato 31 ottobre e ancora domenica 1 e lunedì 2 novembre sempre alle 13.00 con Il ladro di cardellini, il film di Carlo Luglio che sarà presente a tutte le proiezioni sopraindicate per introdurle al pubblico in sala. Per i biglietti e altre notizie (in calendario ci sono anche delle proiezioni, sempre introdotte dal regista, sia all’Anteo Spazio Cinema di Monza che a quello di Cremona): www.spaziocinema.info.

Dal 13 al 23 ottobre, Cineteca Milano MIC: PRIMA, DONNA. MARGARET BOURKE-WHITE IN 11 FILM

Sarà la proiezione in anteprima (e a ingresso libero) di Double Exposure: the story of Margaret Bourke White di Lawrence Shiller, titolo del 1989 peraltro mai distribuito da noi, a inaugurare martedì 13 ottobre alle 15 alla Cineteca Milano MIC (viale Fulvio Testi 121) PRIMA, DONNA. MARGARET BOURKE-WHITE IN 11 FILM, rassegna cinematografica attorno alla figura più rappresentativa ed emblematica del fotogiornalismo internazionale, organizzata in collaborazione con Comune Milano I Cultura, Palazzo Reale e Contrasto mentre a Palazzo Reale è in corso, fino al 24 febbraio 2021, l’omonima mostra. Tra gli altri film in programma Gandhi, in cui si racconta il periodo da lei trascorso seguendo il Mahatma, e La via del tabacco di John Ford, dal romanzo di Erskine Caldwell, marito della fotografa, per il calendario completo delle proiezioni e altre notizie cinetecamilano.it.

Un divano a Tunisi, un film di Manele Labidi

Selma Derwich, psicoanalista 35enne cresciuta a Parigi, torna nella sua casa alla periferia di Tunisi con una missione: aprire uno studio per esercitare la sua professione e far stendere su un divano sistemato in terrazza i suoi connazionali, diversamente bizzarri e frustrati, per aiutarli a superare il loro mal di vivere, all’indomani della rivoluzione. Ma la diffidenza è tanta, a partire da quella della famiglia, la burocrazia è implacabile, e un poliziotto la boicotta, per fortuna che a vigilare ci pensa Sigmund Freud in persona, nientedimeno… È da oggi nelle sale Un divano a Tunisi, opera prima della regista francese con origini tunisine Manele Labidi, una commedia agrodolce che attraverso le vicissitudini di Selma tenta di raccontare, divertendo, un paese dopo la dittatura, i vivaci pazienti forse tendono un po’ troppo alla macchietta ma anche se il film alla fine resta al di sotto delle premesse Golshifteh Farahani illumina ogni scena ed è talmente brava da stravalere da sola il prezzo del biglietto.

8 ottobre all’Anteo Palazzo del Cinema: il regista Davide Del Degan e lo sceneggiatore Andrea Magnani presentano PARADISE – UNA NUOVA VITA

Calogero, mite venditore di granite, dopo aver assistito a un delitto di mafia viene spostato dalla Sicilia al Paradise, un residence abbandonato di Sauris, località sperduta del Friuli, dove, per uno sbaglio amministrativo, viene spostato anche il killer divenuto collaboratore di giustizia: sarà nelle sale da giovedì 8 ottobre Paradise – Una nuova vita, meritevole opera prima di Davide Del Degan che racconta con toni tragicomici le difficoltà di restare onesti laddove a essere premiato è il silenzio e il coraggio di incamminarsi su un’altra strada, e la proiezione in calendario giovedì 8 alle 20 all’Anteo Palazzo del Cinema di Milano sarà accompagnata dal regista e dallo sceneggiatore Andrea Magnani, introdotti dalla giornalista Alessandra De Luca, prendete nota. Per i biglietti e altre notizie spaziocinema.info.