INTERVISTE

schermata-2016-11-06-alle-09-13-45

“Il mio quartiere”: Lorenteggio-Giambellino, di Marc Sadler, designer

Marc Sadler, designer: "Se un posto è sporco, brutto e non c'è nulla da fare, la gente se ne va o, se resta, rischia di abbruttirsi e delinquere. Il Comune ha tutto l'interesse a far sì che le periferie, quindi anche il Giambellino-Lorenteggio, diventino posti in cui è piacevole vivere"
Mario Dusi

“Il mio quartiere”: da corso XXII marzo a via Anfossi – Mario Dusi, avvocato

Mario Dusi, avvocato: "Consiglierei al Comune di migliorare il quartiere con un maggior intervento degli operatori ecologici, una maggior severità nel riprendere il cittadino che non rispetta le norme sulla pulizia e una maggior presenza delle Forze dell'Ordine"
giacomomoor

“Il mio quartiere”: via Padova (NoLo) – Giacomo Moor, designer

Giacomo Moor, designer-artigiano: "Il Comune in questi ultimi anni ha effettivamente migliorato Milano, non vedo cambiamenti nel mio quartiere, ma forse un aspetto della sua bellezza è proprio questo: che è un quartiere vissuto!"
Renato Mannheimer

“Il mio quartiere”: Magenta – Renato Mannheimer, sociologo

Renato Mannheimer, sociologo: "Consiglierei al Comune di migliorare la questione del traffico e dei parcheggi. Prestare piu attenzione al decoro ubano: dalle scritte sui muri alla sporcizia degli animali"
Schermata 2017-03-05 alle 09.23.24

“Il mio quartiere”: il degrado di Bonola – Anna Maria Pisapia

Anna Maria Pisapia Veroi: "C'è un degrado a livello generale, sporcizia, discarica comune, non osservanza dei divieti di sosta che spesso non consentono di uscire con l’auto dalla propria abitazione. E’ terribile che per l’inciviltà di alcuni si sia prigionieri in casa propria".
alida catella

“Cosa definisce il quartiere?” di Alida Catella e la risposta di Marco Romano

Alida Catella, COIMA IMAGE: "Quale è l’elemento che consacra una area QUARTIERE, la forma? gli abitanti? la Chiesa? I centri sociali? L’unica cosa che percepisco è che le vie di scorrimento impediscono l’appartenenza e forse anche gli abitanti scorrono e non si fermano!"
stefano ferri

“Il mio quartiere”: Chiesa Rossa e il Parco dell’Anello – di Stefano Ferri

Stefano Ferri, direttore di MilanoSud: " Al piede di tutti gli edifici dell’antico nucleo di case del quartiere, ci sono negozi nella maggior parte dei casi vuoti. Se ci fossero attività artigianali, artistiche o commerciali, il quartiere ne avrebbe grande giovamento, da tutti i punti di vista"
maria-piera-bremmi-cooperativa

“Il mio quartiere”: Niguarda – di Maria Piera Bremmi

Maria Piera Bremmi, coordinatrice del Centro Culturale della Cooperativa in Zona 9: "Al Comune consiglierei una cura maggiore del territorio anche dal punto di vista estetico. Portare il “bello”, perché vivere nel bello fa vivere bene e rende migliori".
cocca-barbieri

“Il mio quartiere”: Brera dalle due anime – Cocca Barbieri

Cocca Donatella Barbieri: "Sarebbe importante che ci fosse un servizio di sorveglianza continuo, ben organizzato perché il quartiere è molto frequentato ed è facile per chiunque confondersi tra le gente".
schermata-2016-10-30-alle-09-29-43

“Il mio quartiere”: Corsica-Argonne, di Gianluca Pacchioni, metal sculptor

Gianluca Pacchioni, metal sculptor: "Vorrei ridar vita al muro esterno di casa, con un bel murales che affronti i temi ecologici e il rispetto per la natura e che sia ogni giorno una buona fonte di ispirazione".
qt-stefania-montani

“Il mio quartiere”: Piazza della Repubblica – di Stefania Montani

Stefania Montani: "Le scelte fatte sulla circolazione in varie zone della città (per fortuna noi siamo indenni per il momento) complicano anziché rendere più fluido il traffico. Per non parlare delle piste ciclabili assurde “nel nulla” e dei cordoli anche pericolosi"
foto Gabriella Calvi Parisetti

“Il mio quartiere”: Porta Genova – Gabriella Calvi Parisetti

Gabriella Calvi Parisetti, GFK Eurisko: "Il mio consiglio al Comune? La peculiarità dei Navigli di Leonardo deve essere più valorizzata come opera d'arte e un più accorto governo delle licenze a pubblici esercizi sarebbe raccomandabile"
giorgio-e-ilaria-forattini

“Il mio quartiere”: Porta Venezia-Buenos Aires- Ilaria Cerrina Forattini

Ilaria Cerrina Forattini: "Mi piacerebbe molto che mettessero a piazza Oberdan un mercato perenne di piante come a Parigi, oppure una serie di appezzamenti fissi sulla piazza a tema: fiori, antiquariato, libri, cibo"
alberto-e-kelis-2-paolo-carlini

“Il mio quartiere”: El punt – fra S. Sofia e S. Calimero-Alberto Cavalli

Alberto Cavalli: "Le cose belle? Le basiliche, una più bella dell’altra. I concerti di musica classica e di musica vocale. La messa in rito tridentino presso la Chiesa della Visitazione. È un quartiere servito da tanti mezzi. C’è un signore che suona la fisarmonica che è bravissimo!"
unnamed

“Il mio quartiere”: Il Giambellino – Anna Fiaschè

Anna Fiaschè, impiegata del Comune di Milano da 29 anni, vive da sempre al Giambellino, dove è nata. “Il mio quartiere? Nel bene e nel meno bello è parte di me. Se qualcosa non funziona mi spiace davvero”.
chiara-boni

“Il mio quartiere”: Buenos Aires, quartiere latino – Chiara Boni

La stilista Chiara Boni: " Mi piacerebbe che il work-in-progress in corso da anni all’incrocio tra via Tunisia e via Ludovico Settala giungesse a conclusione. Non si riesce nemmeno più a capire a cosa stiano lavorando".
GigliolaCuriel+bag

“Il mio quartiere”: Piazza Cinque Giornate – Gigliola Curiel

Gigliola Curiel: "Mi dà quotidianamente gioia l’aiuola di piazza Cinque Giornate, mai sfiorita e curata con immenso amore e grande maestria".
Schermata 2016-08-05 alle 10.31.41

“Il mio quartiere”: Le Terrazze, la Broadway di Milano- Gio’ Tettamanzi

Giovanna Tettamanzi, giornalista, lavora per Milano Sud, mensile che si occupa delle zone 5 e 6: "Consigli per il Comune? Bonificare e occupare le aree e gli edifici dismessi"
QT Daniela Calandrella

“Il mio quartiere”: Brera, senza verde – Daniela Calandrella

Daniela Calandrella, neurologa: "Vorrei che si aprisse ai bambini il bel giardino tra via Statuto e corso Garibaldi, che è abbandonato".
Pietro Virgilio

“Il mio quartiere”: Corvetto – Pietro Virgilio

Pietro VIRGILIO, Cittadino del Corvetto, sogna un ripensamento dell’area che va da Piazzale Bologna a Nosedo, per rendere adeguata la Porta Sud di Milano alle nuove esigenze di una Vera Città Europea
QT Franco Cologni

“Il mio quartiere”: Brera – Franco Cologni

Franco Cologni, fondatore e presidente della Fondazione Cologni: "Vivere a Brera significa sentirsi parte di una Milano attiva, attenta, sempre in evoluzione"
Daniele Ascoli

“Il mio quartiere”: Tre Torri, un quartiere in divenire – Daniele Ascoli

Daniele Ascoli, direttore di Ca' Bianca Hotel Corte del Naviglio: "Per migliorare il quartiere, al Comune consiglierei di fare più parcheggi, più pulizia e manutenzione delle strade".
Andree Shammah (2)

“Il mio quartiere”: Brera, il più bel quartiere di Milano – Andrée Shammah

La regista Andrée Ruth Shammah: “In questi anni il quartiere è cambiato molto lentamente, come un figlio che quando lo si vede crescere non si capisce quanto cambia”
th

“Il mio quartiere”: Quarto Oggiaro – Padre Giuseppe Bettoni – CasArché

Padre Giuseppe Bettoni: "A Quarto Oggiaro abbiamo definito CasArché luogo di bene comune perché vogliamo favorire la solidarietà fra il quartiere e la comunità di accoglienza per mamme e bambini".
Emilio Sioli

“Il mio quartiere”: Città Studi, tra Lambrate e l’Ortica – Emilio Sioli

Emilio Sioli, operatore culturale: “Sono fra gli animatori di Area M(usica) che intende trasformare Città Studi e i suoi spazi affascinanti in un Quartiere del Jazz e della musica del ’900”.
foto Marco Romano

“Il mio quartiere”: Brera – Marco Romano

Marco Romano, architetto: "Brera è oggi un quartiere di benestanti attempati dove ormai i bambini sono rarissimi e manca quindi quell’occasione essenziale della socializzazione che sono le scuole"
Laura Guardini

“Il mio quartiere firmato”: tra le vie Harar e Monte Baldo – Laura Guardini

Un posto speciale, uno dei tesori un po’ nascosti di Milano, un quartiere firmato da maestri dell’architettura urbana come Luigi Figini, Gino Pollini e Gio Ponti
QT Giovanna Majno

“Il quartiere delle chiese scomparse”: il Cappuccio – Giovanna Majno

Giovanna Majno, del consiglio direttivo della Casa delle Donne di Milano: "Al Comune consiglierei di favorire l’uso della bicicletta e curare l’arredo urbano, soprattutto intorno alle scuole che sono numerose"
QT-Cristina Mordiglia

“Il mio quartiere”: Porta Romana – Cristina Mordiglia

Cristina Mordiglia, avvocato: “Lungo i viali dei Bastioni suggerirei di fare una striscia ciclabile sui marciapiedi, che sono poco utilizzati dai pedoni, mentre le biciclette faticano a transitare sui viali insieme alle auto”
QT foto Marzia Biraghi

“Il mio quartiere”: fra Naviglio Grande e San Cristoforo – Marzia Biraghi

“Grazie al Comitato Ponti è nato il Giardino Condiviso Nascosto, uno spazio di verde fino a ieri incolto, un’area nascosta tra via Malaga e via Bussola, a disposizione dei cittadini del quartiere Barona e di tutti milanesi”.

ULTIME DAI QUARTIERI

Affori

21 ottobre 2017

VIII EDIZIONE DEL CONCORSO UN “RAC…

Arrivato alla sua ottava edizione, il Concorso Letterario di ABC “Un Racconto Breve” anche questa volta è riuscito a compiere appieno il suo obiettivo che è quello di raccogliere umori, sentimenti, pensieri, sogni e ricordi direttamente dalle persone del territorio.

Altri Quartieri

20 ottobre 2017

Il pollo fritto di KFC a Banco Alimentar…

Parte dal ristorante di Arese il progetto Harvest di KFC, presto coinvolti tutti i locali in Italia. KFC – Kentucky Fried Chicken ha presentato oggi a Milano il progetto Harvest per il recupero delle eccedenze alimentari e la donazione alle organizzazioni che aiutano sul territorio le persone in difficoltà.

Altri Quartieri

15 ottobre 2017

Natale 2017: Coopi cerca coordinatori pe…

Natale 2017: cercasi coordinatori banchetto per iniziativa “pacchetti solidali”
COOPI – Cooperazione Internazionale, organizzazione umanitaria italiana attiva da oltre 50 anni nei Paesi del Sud del Mondo, cerca coordinatori banchetto per l’iniziativa di raccolta fondi “Carta, Nastri e Solidarietà”

Ticinese

28 settembre 2017

I Frutti del Carcere, in mostra al Chios…

IL CONSORZIO VIALEDEIMILLE di MILANO vi invita alla 5ª edizione de I FRUTTI DEL CARCERE

Sabato 30 settembre 2017, ore 10-18,30 Chiostro Museo Diocesano Milano, corso di Porta Ticinese 95
Esposizione delle produzioni carcerarie, cibo, artigianato sociale, servizi per la comunità e incontri di approfondimento sui temi della detenzione e delle alternative al carcere

Tutti i Progetti QT

A San Siro, Corvetto-Mazzini, Molise-Calvairate e Gratosoglio “Illuminiamo le Tavole”: è un’iniziativa che consegna una “spesa” mensile a famiglie in difficoltà, individuate attraverso società e associazioni che gestiscono i “contratti di quartiere” del Comune di Milano. Enel offre appoggio logistico, nonché la partecipazione attiva dei suoi dipendenti attraverso il “volontariato aziendale” garantendo la gestione del magazzino e partecipando alle consegne. Collaborano Tonno Rio Mare, Simmenthal, Sogemi, Princi Bakery, Riso Gallo, Molino Pagani, Illy Caffè, Coldiretti Lombardia con Consorzio Casalasco del pomodoro, AIPOL (associazione degli olivicoltori lombardi) e Consorzio Latteria Virgilio.

Il premio “Miglioriamo Milano” prepara la sua prima edizione con il sostegno di Fondazione Cariplo. Ricorda Piermario Vello, segretario generale della Fondazione Cariplo, scomparso nel 2014, che ha contribuito allo sviluppo della moderna filantropia.
Il premio dal tema Mobilità urbana: città amica, città nemica/Il caso Corvetto è diviso in due categorie e sarà assegnato dalla giuria, presieduta da Giangiacomo Schiavi, alla migliore storia originale realizzata dagli studenti delle scuole di giornalismo milanesi delle università Cattolica, IULM e Statale e al miglior progetto di ricerca originale articolato in sei punti presentato dalle università milanesi con particolare attenzione agli studenti degli istituti di Sociologia.

Sono già 35 i tirocini sostenuti dal progetto “Una scuola, un lavoro. Percorsi di eccellenza ”, promosso con la Fondazione Cologni dei Mestieri d’arte

Dal 2013 la Prima della Scala entra nel carcere di San Vittore con la diretta che la sera del 7 dicembre riunisce nel Panottico detenuti e ospiti. La serata si conclude con il risotto preparato dalle Libera Scuola di Cucina della casa circondariale.

Grazie a Quartieri in Quota e con la collaborazione con le associazioni Attraverso la Montagna, Piccolo Principe e con l’appoggio del Club Alpino Italiano e di MountCity.it – il notiziario che descrive “la montagna da zero a ottomila” – i ragazzi delle scuole medie Arcadia, Pertini e Curiel del quartiere Gratosoglio scoprono la montagna. Dopo un anno scolastico sperimentale, con diverse uscite (al rifugio Carlo Porta nel Lecchese e in Val di Mello, per esempio), è iniziato il primo  triennio ad indirizzo “Ambiente e montagna” che prevede lavoro interdisciplinare, interventi in aula (due ore a settimana) ed almeno quattro uscite annuali.

I dottori ti ascoltano” è l’iniziativa partita a Brera (ogni martedì dalle 11.30 alle 13) , nei locali dell’Università della Terza età presso la parrocchia di San Marco, con diversi specialisti a disposizione degli ospiti dell’accoglienza e dei cittadini. Un progetto che ha avuto enorme successo e si vuole perciò allargare ad altri quartieri. A Quarto Oggiaro con padre Giuseppe Bettoni la prossima sede di “I dottori ti ascoltano”. Contatti anche con Giambellino e Lorenteggio.

E’ in cantiere la nuova edizione (curata da Giovanni Pasculli di Comunità Nuova) della Coppa Candido Cannavò – Quartieri Tranquilli, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale. Da otto le squadre sono diventate una cinquantina. il sogno è giocare una finalissima a San Siro.

L’Istituto Nazionale dei Tumori e gli ospedali Niguarda e Sacco accolgono “Special Stage”, incontri musicali che rasserenano i pazienti. Il progetto è di Hugo Vivone.

Con un gruppo di pensionati del Corvetto che hanno promosso l’idea, con i commercianti e con Amsa, si tiene più pulito il quartiere. Anche alle persone che chiedono l’elemosina é stata offerta una scopa, per contribuire alle operazioni di pulizia nelle rispettive “postazioni”. L’idea é piaciuta all’Amsa e si può replicare.

In collaborazione con Donatella Barbieri Torriani, giá presidente ALI (Agenzia Letteriaria Internazionale) e Armida Sabbatini, preside delle scuole primarie ICS Spiga e Porta Nuova e secondarie di I grado Santo Spirito e Solferino si avvicinano i ragazzi ai libri e agli editori. Un viaggio verso la lettura, pronto a continuare in periferia.

Le prime 400 ciotole per l’acqua con la scritta “cani tranquilli nei quartieri tranquilli” sono state distribuite dai Navigli a Brera, dalla Bocconi a Montenapoleone, ma ora l’idea dell’architetto Marco Predari sarò estesa anche al resto della città.